Il dedicarsi del tempo presso una stanza del sale e godere dei benefici dell’haloterapia è per molte persone – bambini, adulti, anziani – motivo non solo di cura e terapia, ma anche di relax e totale distacco dai problemi di tutti i giorni.

Un argomento molto dibattuto è il sottofondo musicale: qualche cliente lo vuole, mentre a qualcuno dà fastidio. Come ovviare al problema? La risposta è sempre una: moderazione.

Grotte di sale: consigli per la musica

Riteniamo che la giusta colonna sonora crei un’atmosfera assolutamente positiva per un ambiente come quello della stanza del sale. In fondo, la musica ha da secoli effetto terapico e di rilassamento: le note agiscono a livello emotivo e psichico, e non per niente negli ultimi anni si è vista crescere la proposta di attività di musicoterapia, specialmente rivolta ai più piccoli.

Alcuni consigli per la diffusione di musica nella propria stanza del sale:

  • Scegliere casse piccole, non ingombranti ma di qualità: ronzii e interferenze, seppure il volume sia basso, possono essere molto fastidiose. Verificare inoltre che le casse siano adatte a stare in un ambiente salino;
  • Appendere le casse al muro: evitare di lasciare le casse per terra. Meglio appenderle al muro o negli angoli, o meglio ancora installare dei diffusori semi-invisibili;
  • Volume: tenere un volume di pochi decibel. La musica deve essere un leggero sottofondo e mai sovrastare il tono di voce delle persone;
  • Genere musicale: i generi musicali migliori per stanze relax e stanze del sale sono: musica classica, musica jazz, musica fusion. Consigliamo di puntare principalmente su musiche strumentali piuttosto che su canzoni con un esecutore vocale: lo strumentale aiuta maggiormente a rilassarsi, mentre il cantato stimola la concentrazione e tiene sempre attivo l’udito.

Grotte di sale: e la televisione?

Talvolta i titolari scelgono di dotare la propria stanza del sale di una televisione. Ognuno è libero di fare ciò che desidera anche in base alla clientela: noi preferiamo sconsigliare l’uso della TV, a meno che non la si usi per la mera trasmissione di musica. Ma in tal caso potrebbe essere un po’ uno spreco.

Tutti gli altri canali televisivi sono a nostro avviso da bandire in una stanza del sale: le immagini televisive tengono troppo attivo il cervello, mentre nella grotta di sale il corpo necessita di totale relax.

Se hai in mente di aprire una stanza di sale, contatta senza impegno Bioresearch.